Curiosità & notizie,  Non categorizzato,  Tecnoblog

Le più clamorose bufale tecnologiche degli ultimi 10 anni

image_pdfimage_print

Vi ricordate la macchina ad aria compressa, la Air-Pod? Oppure la fusione fredda ”casalinga” che avrebbe dovuto riscaldare le nostre dimore con soli 20 euro di spesa all’anno, ovvero il famigerato E-Cat? O la tecnologia dell’ iraniano Mehran Keshe che avrebbe dovuto rivoluzionare il mondo dei trasporti e della medicina? Che fine hanno fatto tutte queste fantomatiche tecnologie futuristiche? Dove si possono … acquistare questi prodigi dell’ingegno umano oggi, nel 2017, a distanza di oltre 10 anni dai primi fragorosi annunci in rete?
Ve lo dico io: da nessuna parte.
Nessuna di queste tecnologie è ad oggi disponibile sul mercato. Nulla di nulla di nulla!
L’Air-Pod, la goffa ed economicissima automobile ad aria compressa, che avrebbe dovuto essere prodotta prima in Francia e poi in Sardegna, non è andata oltre qualche prototipo da esibizione pubblica.
Esiste ad oggi solo un sito internet nel quale il progetto sembra in eterno divenire.
Sito AIR POD »
I brevetti esistono e l’auto sembra che funzioni davvero, ma la microfabbrica non accenna ancora a produrre alcunché. L’idea è quella di riempire un serbatoio di aria compressa durante la notte, nel proprio garage tramite un compressore interno alla vettura stessa, per poi utilizzarla come propellente naturale e privo di combustione per far muovere i pistoni. Ma per ora non si muove proprio nulla!
Ancora più incagliato è il progetto del famoso E-Cat, un sistema per produrre calore ed energia elettrica tramite una reazione nucleare fredda e controllata, ideato e portato avanti (si fa per dire) dall’ italiano Andrea Rossi.
Anche qui non si va oltre i perenni annunci che sembrano presagire che in futuro qualcosa verrà prodotto ma che, francamente, hanno stufato chiunque segua queste cose.
Sito E-CAT »
E infine le rivoluzionarie scoperte dell’iraniano Meheran Keshe, nei confronti delle quali si scomodarono a suo tempo i governi di mezzo mondo, sono anch’esse definitivamente morte e sepolte. Il sito sta in piedi a furia di annunci, come nei precedenti casi, ma di concreto ancora non c’è nulla di nulla.
Sito Fondazione Keshe »
Bufale o tecnologie osteggiate? Francamente noi propendiamo più dalla parte delle bufale. Semplici sparate semi-credibili da parte di personaggi dotati di un certo innegabile carisma che, oltre a spennare benefattori e finanziatori di tutto il mondo, non apportano ad oggi nessun reale beneficio all’umanità.

E i fatti, ci dispiace, stanno li a dimostrarlo!

Fonti: http://www.boorp.com/m/notizie_articoli_news_post/articolo_Le_piu’_clamorose_bufale_tecnologiche_degli_ultimi_10_anni.php